Cascina Saetta è finalmente un bene comune

cascina saetta

Da bene confiscato a bene di tutti: Cascina Saetta, il primo bene confiscato della provincia di Alessandria è stato inaugurato ieri, dopo che la gestione del bene è stata affidata all’associazione Parcival, parte della rete di Libera Alessandria.

La cascina, dedicata alla memoria del giudice Antonino Saetta e di suo figlio Stefano, vittime di Cosa Nostra per la rettitudine con cui il giudice ha affrontato alcuni importanti processi di mafia, si trova nel comune di Bosco Marengo, sede di una locale di ‘ndrangheta al Nord.

In un territorio che si è dimostrato permeabile al radicamento della criminalità organizzata, Cascina Saetta sarà un importante punto di aggregazione e di riferimento per le associazioni e i cittadini.

Il video di Libera Piemonte dell’inaugurazione:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *