Slot, linea dura contro le trasgressioni dell’orario a Borgomanero

slot orari

Il Comune di Borgomanero inasprisce le sanzioni per gli esercenti che non rispettino le regole. È questo il nuovo atto del comune che per primo in provincia ha imposto limitazioni orarie all’accensione delle slot machines; un’iniziativa poi replicata in più comuni novaresi, incoraggiati anche dalla decisione del Consiglio di Stato che ha dato ragione all’amministrazione guidata dal sindaco Tinivella.

D’ora in poi, alla terza violazione dell’ordinanza comunale, scatterà la sanzione della chiusura temporanea del locale, la cui durata aumenterà progressivamente con il numero delle trasgressioni. La decisione ha causato le proteste degli esercenti, i quali lamentano una disparità di trattamento rispetto ai locali dei comuni limitrofi: questi, che possono distare anche poche centinaia di metri, sottrarrebbero loro la clientela attirata dalle macchinette.

Una motivazione anche condivisibile, ma non certo per contestare le misure già adottate, quanto per spingere affinché vengano impiegate su più ampia scala. Quella del gioco d’azzardo patologico è una piaga non soltanto sociale ma anche economica: contrastandola ci guadagnano davvero tutti. Fortunatamente alcune amministrazioni stanno cercando di arginare il fenomeno nei limiti dei loro poteri, mentre dovrebbe essere approvata nelle prossime settimane in Regione una nuova legge contro la ludopatia.

L’ articolo di Marcello Giordani su La Stampa del 3 aprile:

03-04-2016_slot_borgomanero_lastampa-novara

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *