Operazione Insula. Cade un simbolo dell’antimafia: arrestato l’ex sindaco di Isola

COMMEMORAZIONI 25 APRILE FOTOSTUDIO 13Nel 2008 sarebbe stata eletta con i voti del clan Arena in cambio di provvedimenti favorevoli. Con questa accusa è stata arrestata l’ex sindaco di Isola Capo Rizzuto Carolina Girasole, considerata, almeno fino a oggi, simbolo della lotta alla ‘ndrangheta. Sono in tutto 13 le persone raggiunte dall’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Catanzaro su richiesta del sostituto procuratore generale Salvatore Curcio. Le persone indagate devono rispondere a vario titolo di associazione per delinquere, corruzione elettorale, turbativa d’asta, usura, favoreggiamento e rivelazione di atti d’ufficio.
Il boss Nicola Arena, di 76 anni, capo dell’omonima cosca della ‘ndrangheta, che è uno dei destinatari delle ordinanze di custodia cautelare, era già detenuto. Sono stati eseguiti, inoltre, altri sette provvedimenti restrittivi, tre dei quali agli arresti domiciliari (uno riguarda l’ex sindaco Girasole), e due obblighi di presentazione alla Polizia giudiziaria. Tra gli indagati c’è anche un poliziotto. L’accusa di corruzione elettorale, che è uno dei reati fine contestati, a vario titolo, agli arrestati, riguarda proprio l’ex sindaco Girasole, che sarebbe stata eletta, secondo l’accusa, anche grazie al sostegno della cosca Arena, considerata una delle più potenti della ‘ndrangheta, con diramazioni in varie regioni e all’estero.

La Girasole è stata in carica dal 2008 al 2013. Nello scorso mese di maggio era stata candidata alla Camera con Lista civica, ma non era stata eletta. Carolina Girasole, l’ex sindaco di Isola Capo Rizzuto arrestata dalla Guardia di finanza per i suoi presunti rapporti con la cosca Arena, era stata indicata, durante il suo mandato, dal 2008 al 2013, come uno dei primi cittadini calabresi impegnati contro la ‘ndrangheta e contro le infiltrazioni della criminalità organizzata nelle attività dei Comuni. Il suo nome era stato accostato, in questo senso, a quelli di altre donne sindaco impegnate contro la ‘ndrangheta. Carolina Girasole, in particolare, era stata accomunata per il suo impegno contro la criminalità ai primi cittadini di Monasterace e Rosarno, Maria Carmela Lanzetta ed Elisabetta Tripodi (la prima non è più in carica), insieme alle quali aveva partecipato a numerose manifestazioni antimafia. Ad una delle iniziative, tra l’altro, aveva preso parte anche l’ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, venuto in Calabria per esprimere solidarietà a Maria Carmela Lanzetta dopo un’intimidazione che aveva subito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *