Scommesse clandestine nel finto Internet point

article1_1

I giochi e le scommesse clandestine continuano ad essere una delle passioni proibite dei biellesi. L’altro pomeriggio la polizia amministrativa di Biella ha scoperto una nuova sala scommesse nel pieno centro di Cossato. Peccato che i due giovani titolari, biellesi, non avessero mai ottenuto la licenza.I poliziotti non si sono limitati a servizi di appostamento, e si sono mescolati ai frequentatori della sala, verificando così direttamente che i due ragazzi, in società tra loro, dietro il paravento di un «Internet point» (in realtà nemmeno attivo) avevano raggiunto un accordo con un allibratore austriaco, privo di licenza per operare in Italia, aprendo una sala di scommesse clandestine.
Nel locale si raccoglievano scommesse su eventi sportivi, che poi venivano girate all’allibratore austriaco collegandosi al sito internet della società.
Con questo sistema, i due biellesi riuscivano ad incassare direttamente le somme depositate dai clienti e a pagare le eventuali vincite.
La normativa italiana prevede che la raccolta di scommesse sia consentita soltanto ad operatori che abbiano ottenuto la concessione da parte dell’Agenzia delle dogane e del Monopolio, all’interno di locali autorizzati dalle Questure. Non avendo rispettato queste norme, i due giovani gestori dell’agenzia sono stati denunciati per esercizio abusivo di raccolta scommesse e di intermediazione nell’attività di raccolta scommesse. Gli agenti hanno sequestrato la sala, i computer e il denaro incassato nella giornata.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *