Bruno Caccia: 30 anni dopo in cerca di verità

A trent’anni dal suo assassinio, Bruno Caccia viene ricordato a Torino. Una serie di celebrazioni dedicate al magistrato che non si piegò a Domenico Belfiore, capo della ‘ndrangheta sotto la Mole, arrestato come mandante dell’omicidio. Molti sono però i tasselli mancanti della storia: chi furono gli esecutori materiali? E quali furono gli interessi che hanno armato la mano?

Il 4 luglio alle ore 21.00 presso il circolo Arci Meltin’Pop di Arona (via Roma 78/80), Libera Novara ricorda la figura di Bruno Caccia, approfondendo i nuovi risvolti del caso. Parteciperanno Paola Caccia, figlia del magistrato, e Francesco Saluzzo, Procuratore della Repubblica di Novara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *