Gli internazionali di Legambiente al lavoro a Cascina Caccia

E’ quasi concluso il campo internazionale di Legambiente che ha portato una decina di ragazzi provenienti da ogni angolo del globo a conoscere la città di Novara, e non solo, prestando il proprio lavoro a servizio del “giardino del vicino”.
L’ultima tappa in compagnia di Libera li ha condotti al bene confiscato alla famiglia ‘ndranghetista di Domenico Belfiore, tra le colline di San Sebastiano da Po (TO).
La cascina, diventata il polo piemontese delle cooperative di Libera Terra – produce infatti il miele di Libera -, è dedicata alla figura del giudice Bruno Caccia e rappresenta ogni anno una meta frequentatissima da giovani che vogliano sperimentare un’esperienza ricca di contenuti, storia e lavoro.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *