Infiltrazioni della ‘ndrangheta si dimette il sindaco di Leinì

 

 

Si è dimesso il sindaco di Leinì Ivano Coral, al timone dal marzo 2010, nel picolo centro dell’hinterland torinese. Motivo ufficiale: le divisioni nella maggioranza di centrodestra sulla revisioni del piano regolatore. Ma secondo altri nella scelta del sindaco avrebbe pesato le inchieste che hanno travolto il padre Nevio, a suo tempo sindaco della cittadina, arrestato qualche mese fa nell’ambito dell’inchiesta “Minotauro”  della procura sui rapporti tra alcuni politici torinesi ed esponenti della ‘ndrangheta. Ivano Coral è anche il cognato dell’ex assessore regionale alla Sanità, Caterina Ferrero, a sua volta indagata per gli appalti nella sanità.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *