“Associazione mafiosa”: un avvocato in carcere

A Novara, pochi mesi fa, aveva difeso Domenico Cutrì, condannato all’ergastolo per l’omicidio di Lukacs Kobrzeniecki, giovane polacco ucciso il 16 giugno 2006 a Trecate. La famiglia dell’imputato era originaria della Calabria, come lui, penalista del foro di Palmi.
Ora in manette è finito anche lui: l’avvocato Vincenzo Minasi è stato arrestato ieri nell’ambito di un’indagine coordinata dall’Antimafia di Milano e di Reggio Calabria, prosecuzione di quella sui clan Valle.
Il legale, che in Assise a Novara aveva dimostrato grande tenacia e preparazione, è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, rilevazione di segreti d’ufficio, intestazione fittizia di beni, il tutto aggravato dalla finalità di favorire l’associazione mafiosa.

Nell’impostazione del pm Boccassini, avrebbe raccolto notizie riservate su alcune indagini che riguardavano il clan Valle.
In tutto gli arrestati sono dieci, e tra loro anche un giudice, un maresciallo della Finanza e un consigliere regionale della Calabria.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *