Cineforum “l’Onda”

La sera di mercoledì 9 febbraio il presidio Giuseppe Fava si è riunito insieme a un folto gruppetto di invitati, alla parrocchia di S. Francesco, dove era stato organizzato un cineforum sul film “L’onda”, di Dennis Gansel, in cui si racconta la vicenda, ispirata da una storia di vera, di un professore che nell’intento di motivare i proprio studenti e di mostrare loro i meccanismi di una dittatura, finisce per crearne una, con esiti tragici.
Dopo la visione del film, Davide Tamagnini, che da tempo guida il presidio nel suo percorso di formazione, propone una discussione sui temi contenuti del film, fra cui sicuramente il più importante è quello che riguarda i meccanismi che portano alla nascita di una dittatura; con in mente le parole di William S. Allen, autore di “Come si diventa nazisti”, ragazzi e ragazze presenti individuano alcuni degli strumenti di cui si serve un regime totalitario per assumere il potere: estremizzazione, annullamento dell’individuo, un capo carismatico, una retorica carica di luoghi comuni, per citarne alcuni (non mancano preoccupanti riferimenti all’attualità).
Il breve momento di riflessione si conclude con una citazione di Luciano Gallino (tratta dalla introduzione di “Come si diventa nazisti”), che mette in luce l’importanza di essere consapevoli delle conseguenze delle proprie scelte: se ogni passo che facciamo, all’apparenza del tutto insignificante, in realtà può avvicinarci all’abisso, e però anche allontanarcene, la miglior precauzione consiste nell’essere il più possibile consapevoli della doppia direzione in cui qualunque passo può portarci.

Luca Zanetta

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *