Assemblea con gli studenti del liceo “E. Fermi” di Arona

hpim0888Ieri 21 gennaio 2009 al lice “E. Fermi” di Arona si è svolta un’assemblea d’istituto sul tema della mafia in cui è intervenuto Davide Mattiello, referente di Libera Piemonte.

Numerosissime sono state le domande dei ragazzi che hanno espresso curiosità e problematiche.

Mattiello nel rispondere non è riuscito a toccare tutti gli argomenti posti perché tanti e diversi, ma ha cercato di commentare questi loro pensieri soffermandosi soprattutto su quello di un ragazzo che si è espresso sul ruolo che le mafie hanno al sud sostenendo che esse sono efficiente nel mantenimento dell’ordine più di quanto possano fare la polizia e i carabinieri. Questa questione è stata molta dibattuta anche perché ripresa da un intervento successivo che sollevava il quesito di come sarebbe il sud senza mafie e l’idea di questo ragazzo era che la situazione sarebbe ancor peggio di quella attuale.

Davide ha cercato di far capire ai ragazzi che sì la mafia è efficiente nel mantenimento dell’ordine ma questa sua efficienza è drammatica perché imposta militarmente incutendo paura nelle persone e impadronendosi delle loro libertà e sovranità. L’idea che non deve passare della mafia è quella che garantisce i posti di lavoro e una vita tranquilla perché così non è; l’economia del sud purtroppo è zavorrata dalle mafie che non permettono la libertà d’impresa in quanto circa il 90% delle attività commerciali o imprenditoriali è costretta a pagare il “pizzo” e spesso a dover chiudere.

aronaCome poter combattere allora questo fenomeno? Davide ci ha richiamato al nostro senso civico; non possiamo permettere che altri si impadroniscano della nostra sovranità e dei nostri diritti, dobbiamo partecipare a quelle che è la formazione di decisioni, non possiamo fare a meno della democrazia e non possiamo fare a meno di FARE democrazia, attraverso il confronto e il dialogo non il silenzio e l’imposizione.

Angela

Presidio “I nostri cento passi” di Borgomanero

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *