Operazione contro la mafia nigeriana: 44 arresti, due a Novara

 

operazione-athenaeum

In una vasta operazione condotta dalla squadra anti-tratta della Polizia Locale di Torino e dai Carabinieri nella giornata di martedì 13 settembre sono finiti in manette 44 membri di organizzazioni mafiose nigeriane, dedite allo spaccio di eroina e cocaina, alla tratta di esseri umani e allo sfruttamento della prostituzione.

Tra le numerose città coinvolte c’è anche Novara, dove sono stati arrestati Nosayaba Kingsley Iyare detto Aye e Godswil Ehisuoria Sadoh detto Mr. Frank. Gli uomini, che hanno avuto ruoli di primo piano nella struttura criminale a livello nazionale, sono accusati di associazione mafiosa e di indebito utilizzo di carte di credito. Un reato apparentemente ancillare quest’ultimo, ma molto redditizio, come dimostrano i guadagni milionari interrotti dall’operazione Card & Bros, che nel 2012 ha portato all’arresto di sei nigeriani residenti a Novara.

L’indagine prende il nome di Athenaeum perché è all’interno delle confraternite delle università nigeriane che in passato si sono formati numerosi cults, gruppi criminali che si legano con la forza della violenza e della superstizione (ben noti sono i riti voodoo ai quali sono sottoposte le giovani prostitute che giungono in Europa) e che in patria proliferano grazie al rapporto con politici e funzionari corrotti. Sono due in particolare i cults colpiti da questa operazione: i Maphite (Famiglia vaticana) e gli Eiye (Uccelli); Aye Mr. Frank appartengono ai Maphite (“Famiglia vaticana”), ma a Novara si sono registrati, nel 2013 e nel 2014, summit di entrambi i gruppi.

Una presenza, dunque, davvero importante e risalente negli anni: già nel 2010 la Direzione Nazionale Antimafia attribuiva a gruppi criminali nigeriani il mercato della prostituzione a Novara come a Torino. Oggi, dopo anni in cui la prostituzione nigeriana, tipicamente da strada, sembrava ormai minoritaria rispetto alla prostituzione indoor di donne provenienti dall’Est Europa e dalla Cina, il trend registra una netta crescita, come denunciato dal presidente di Liberazione e Speranza Andrea Lebra, intervistato da Marco Benvenuti de La Stampa.

L’articolo de La Stampa del 14 settembre:

14-09-2016_mafia_nigeriana_lastampa-novara

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *