Educazione fa rima con legalità

Si è svolto nella giornata di ieri la tappa novarese della formazione nazionale per insegnati ed educatori promossa da Libera dal titolo “Abitare i margini”.

abitareimargini“Il ruolo dell’educazione alla legalità nella lotta alle mafie”  il tema centrale del seminario, a cui partecipavano come relatori: Michele Gagliardo, di Libera Formazione, Raffaele Mantegazza, docente dell’Università Bicocca di Milano, e Domenico Chiesa, membro del CIDI (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti). Presenti gli insegnanti, alla cui difficile professione, oggi più che mai, viene richiesto di resistere in prima linea in quella che è diventata una quotidiana battaglia all’espansionismo culturale mafioso.

Gagliardo, in particolare, ricordava proprio come la mafia, rispondendo a dei bisogni, coinvolga i giovani in un contesto di valori e di regole criminali. Per evitare ciò, è necessario elaborare una precisa proposta educativa attraverso la discussione di conoscenze pubbliche, lo sviluppo delle capacità sociali, la crescite delle essenze e la cura dei sentimenti.

Mantegazza, chiamato a parlare di un percorso pedagogico indirizzato alla Costituzione e alla riscoperta dei valori insiti nella Resistenza, ha affermato come le figure degli insegnanti siano importanti alla colonizzazione della dimensione “pre-politica”, dove si forma il senso civico della persona. Colonizzazione che consentirebbe quindi ai giovani di fissare nella propria essenza di cittadino democratico i valori insiti nella nostra Carta Costituzionale.

La scuola, al centro delle osservazioni di Chiesa, è vista come una palestra di democrazia, luogo dove i giovani imparano ad assumersi delle responsabilità; dove gli insegnanti siano preparati sui “saperi da insegnare (contenuti), per insegnare (strumenti), sull’insegnare (partecipazione e cura dell’aspetto relazionale).

Una scuola infine che deve far propria la riscoperta della Bellezza, dell’emancipazione e del contributo quotidiano che determina il futuro di una Nazione.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *