Giocati 319 milioni in sei mesi

Sempre con meno lavoro, sempre più famiglie in difficoltà, ma sempre più giocatori. Secondo i dati forniti da Agipronews Roma, nei primi sei mesi dell’anno in provincia sono stati spesi in giocate legali quasi 319 milioni di euro, un dato che piazza Alessandria al secondo posto in regione dietro alla provincia di Torino (1158 milioni di euro), davanti a Cuneo (282), Novara (244), Asti (134), Vercelli (126), Verbania (124), Biella (97). E dati che confermano una «passione» sempre più crescente per il gioco d’azzardo, tanto che se venissero confermati i numeri dei primi sei mesi si passerebbe in provincia di Alessandria dai 550 milioni dello scorso anno ai 637 del 2013, con un incremento di 87 milioni, mentre nel 2012 l’aumento era stato rispetto all’anno precedente di 21 milioni.

Una situazione che vedrebbe una spesa annuale di oltre 1448 euro ad abitante, rispetto ai 1250 dello scorso anno. Il balzo in avanti riguarda prevalentemente slot e videolottery. In provincia nei primi sei mesi dell’anno spesi per queste giocate 257,5 milioni di euro (373,5 in tutto il 2012), a seguire 28 milioni per Gratta e Vinci, 22,7 per Lotto, 3,9 per il Superenalotto e 6,6 per scommesse sportive con un tracollo per le giocate sulle corse ippiche. Il tutto mentre crescono i casi di persone che diventano malati del «gioco», come evidenziato dal recente convegno promosso dalla diocesi di Casale sul tema: «Il “legale” illegale. L’azzardo non è un gioco».
In Italia l’introito dei giochi d’azzardo è la terza voce di sostentamento dello Stato. [R. SA.]

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *