Caso Penati, per Princiotta il processo tra una settimana

Processo lunedì 13 per Antonino Princiotta, attuale segretario generale della Provincia di Novara coinvolto nel «caso Penati-Sesto San Giovanni». Davanti ai giudici del Tribunale di Monza deve rispondere di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio.

Il funzionario, residente a Bollate (Milano), e all’epoca dei fatti segretario generale della Provincia di Milano con Filippo Penati presidente, era stato indagato con altre 22 persone tra cui lo stesso Penati. Nell’inchiesta si parla di episodi del 2008, quindi prima dell’arrivo di Princiotta a Palazzo Natta. Nello specifico, il funzionario è chiamato in causa per una presunta mazzetta da centomila euro che l’imprenditore Piero Di Caterina (titolare della ditta Caronte, azienda di Sesto San Giovanni che opera nel settore dei trasporti) avrebbe versato in tranche da duemila all’ex segretario generale quando Penati guidava la Provincia di Milano. Di Caterina aveva in corso una questione con l’Atm, azienda di trasporto milanese: vantava crediti per diversi milioni di euro. Siccome Atm non pagava, si sarebbe rivolto a Princiotta perché intervenisse per risolvere il contenzioso, tramite una delibera. Il dirigente della Provincia di Novara ha sempre respinto le accuse: «Non ho mai fatto nulla di quello che mi viene contestato». Lo stesso presidente, Diego Sozzani, ha tenuto in questi anni un atteggiamento garantista: «Si è innocenti fino a sentenza definitiva che dimostri il contrario». Princiotta, a breve, dovrà giustificare il suo operato anche nei confronti della magistratura contabile: la Corte dei Conti lombarda ha emesso degli «inviti a dedurre» nei confronti di Penati e altre nove (l’ex segretario, appunto, e otto membri della giunta) per danno erariale di oltre 100 milioni nell’acquisizione di un pacchetto di azioni di Milano Serravalle-Milano Tanzgenziali relativo al 2008: secondo la contestazione, ci sarebbe stata da parte dell’amministrazione una sopravalutazione del prezzo delle azioni acquisite dalla Provincia.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *