La Costituzione nel diversamente giusto

Un terzo incontro molto intenso e dinamico oggi al liceo scientifico di Borgomanero.
Il progetto diversamente giusto va avanti alla grande perché si è costituito un bel gruppo fatto di giovani studenti che hanno voglia di mettersi in gioco, di partecipare, di dire la loro.
Tema di oggi “La Costituzione della Repubblica Italiana” entrata in vigore nel 1948 ma oggi più che mai attuale e fondamentale.
Forma di tutela per tutti noi cittadini indicandoci il cammino da percorrere per costruire una società più giusta, attenta ad ogni singola persona.
Come non notare che molti di quei principi fondamentali riportati nei primi 12 articoli sembrano così utopici perché non riscontrati nella realtà, ma come non ricordare le parole di Calamandrei che proprio a noi giovani diceva che su questa costituzione dobbiamo vigilare perché sia rispettata e messa in atto.
Il secondo comma dell’articolo 4 parla del dovere di partecipare al progresso materiale e spirituale della società, un articolo fatto per noi studenti che non potendo partecipare materialmente al progresso lo facciamo spiritualmente; il nostro studio, la nostra formazione fanno si che questo paese possa andare avanti, possa progredire in una società migliore.
Anche la lettura dell’articolo 10 ci porta al presente quando afferma che l’Italia ripudia la guerra.
Questa parola “ripudia” che ormai sentiamo lontana perché non più usata ma così significativa perché porta con sé il sentimento di sdegno e rifiuto. Immediatamente si pensa alla situazione libica.
Un percorso fatto di contenuti e gioco perché si può crescere e imparare divertendosi; tutto ciò insieme, un gruppo di persone che decidono di conoscersi perché ogni persona è una ricchezza, ogni storia è un insegnamento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *